COMUNICATO CDF DI INGEGNERIA IN RISPOSTA AL NOSTRO INTERVENTO

Andare in basso

COMUNICATO CDF DI INGEGNERIA IN RISPOSTA AL NOSTRO INTERVENTO

Messaggio  kallisto il Ven Nov 21, 2008 3:32 pm

http://inginformatica.uniroma2.it/content/view/70/2/


Documento approvato dal Dipartimento di Informatica, Sistemi e Produzione, dell'Università di Roma TorVergata, e fatto proprio dalla Facoltà di Ingegneria dell'Università di Roma TorVergata (seduta del consiglio di Facoltà del 20/11/2008.

Il Dipartimento di Informatica, Sistemi e Produzione, esprime forte preoccupazione nei riguardi dei recenti provvedimenti varati dal governo, con particolare riferimento ai seguenti 3 punti della legge 133/2008:
*
I tagli alle risorse per il finanziamento statale delle università, data l’assenza di indicazioni sugli obiettivi e le modalità della loro realizzazione.
*
I limiti imposti al turn over nella programmazione delle risorse disponibili in seguito a cessazioni e pensionamenti, con ripercussioni dirette e drammatiche sulle prospettive dei giovani ricercatori (dottorandi, post doc e assegnisti di ricerca) e, al contempo, sull’invecchiamento e l’obsolescenza conseguente del sistema accademico.
*
La trasformazione delle Università in fondazioni che oltre a risultare piuttosto irrealistica, a fronte delle attuali congiunture economiche negative, se attuata effettivamente, aprirebbe scenari incerti rispetto alla sopravvivenza degli atenei e al mantenimento degli standard correnti del diritto allo studio.

Il dipartimento esprime dissenso rispetto ai contenuti ed alle modalità operate (Decreto-legge 25 giugno 2008 convertito in legge il 6 agosto 2008), senza alcuna consultazione delle parti coinvolte, e, successivamente, con assoluta impermeabilità rispetto alle richieste di modifica dei provvedimenti contenuti nella Legge 133/2008. Auspica pertanto che la Facoltà si esprima a favore della creazione di un tavolo di confronto. Il Dipartimento, inoltre esprime preoccupazione per la sistematicità con cui le accuse di scarsa competitività, bassa qualità della formazione universitaria e consumo eccessivo di risorse pubbliche vengono da più parti sollevate e amplificate dai media. Esse non contemplano infatti alcuna riflessione critica su almeno due aspetti: il livello già scarso del finanziamento pubblico, rispetto ad altre realtà internazionali, europee ed americane (con le quali si utilizza invece strumentalmente un confronto assai iniquo); le dinamiche scomposte e inconcluse che le numerose riforme, proposte da diversi schieramenti politici, hanno imposto all’Università italiana, determinandone negli ultimi anni uno stato di persistente transizione. Dissentendo fortemente dalle forme scomposte ed approssimative della loro formulazione, il Dipartimento prende altresì atto dell’utilità di alcune critiche al mondo universitario ed alla sua organizzazione, e vuole cogliere questo momento come un’opportunità per aprire una fase di riflessione critica che porti ad un piano di programmazione delle risorse misurato con le reali esigenze di qualità e produttività. Auspica quindi che la Facoltà possa svolgere un ruolo attivo in questa fase.
avatar
kallisto

Messaggi : 101
Data d'iscrizione : 25.10.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum